Introduzione

Network File System (NFS) è un protocollo di file system distribuito che consente di condividere directory remote su una rete. Con NFS, puoi montare directory remote sul tuo sistema e lavorare con i file remoti come se fossero file locali.

Sui sistemi operativi Linux e UNIX, è possibile utilizzare il comando mount per montare una directory di NFS Share su un punto di montaggio specifico nella struttura di directory locale.

In questo tutorial, ti mostreremo come montare manualmente e automaticamente NFS Share su macchine Linux.

Installare pacchetti client NFS

Per montare una NFS Share su un sistema Linux, devi prima installare il pacchetto client NFS. Il nome del pacchetto differisce tra le distribuzioni Linux.

Installazione del client NFS su Ubuntu e Debian:

sudo apt update
sudo apt install nfs-common

Installazione del client NFS su CentOS e Fedora:

sudo yum install nfs-utils

Montaggio manuale di un file system NFS

Il montaggio di NFS Share remota equivale al montaggio di normali file system.

Per montare un file system NFS su un determinato punto di montaggio, utilizzare il comando mount nel seguente formato:

mount [OPTION...] NFS_SERVER:EXPORTED_DIRECTORY MOUNT_POINT

Utilizzare i passaggi seguenti per montare manualmente NFS Share remoto sul proprio sistema Linux:

Innanzitutto, crea una directory che funga da punto di montaggio per NFS Share  remoto:

sudo mkdir /var/backups

Il punto di montaggio è una directory sul computer locale in cui deve essere montato NFS Share.

Montare NFS Share eseguendo il comando seguente come root o utente con privilegi sudo:

sudo mount -t nfs 10.10.0.10:/backups /var/backups

Dove si 10.10.0.10 trova l'indirizzo IP del server NFS, /backup è la directory che il server sta esportando ed /var/backups è il punto di montaggio locale.

In caso di successo, non viene prodotto alcun output.

Se si desidera specificare ulteriori opzioni di montaggio, utilizzare l'opzione -o. È possibile fornire più opzioni come un elenco separato da virgole. Per ottenere un elenco di tutte le opzioni di montaggio digitare il seguente comando:

man mount

Per verificare che il volume NFS remoto sia montato correttamente, utilizzare il comando mount o df -h.

Una volta montata la condivisione, il punto di montaggio diventa la directory principale del file system montato.

Quando si monta manualmente la condivisione, il montaggio di NFS Share non persiste dopo un riavvio.

Montaggio automatico dei file system NFS

In genere, si desidera montare automaticamente la directory NFS remota all'avvio del sistema.

Il file /etc/fstab contiene un elenco di voci che definiscono dove, come e quale filesystem verrà montato all'avvio del sistema.

Per montare automaticamente una NFS Share all'avvio del sistema Linux, aggiungi una riga al file /etc/fstab. La riga deve includere il nome host o l'indirizzo IP del server NFS, la directory esportata e il punto di montaggio sul computer locale.

Utilizzare la seguente procedura per montare automaticamente NFS Share su sistemi Linux:

Configurare un punto di montaggio per NFS Share remoto:

sudo mkdir /var/backups

Apri il file /etc/fstab con il tuo editor di testo:

sudo nano /etc/fstab

Aggiungi la seguente riga:

# <file system>     <dir>       <type>   <options>   <dump>	<pass>
10.10.0.10:/backups /var/backups  nfs      defaults    0       0

Dove 10.10.0.10 è l'indirizzo IP del server NFS /backup è la directory esportata e /var/backups è il punto di montaggio locale.

Eseguire il comando mount in uno dei seguenti moduli per montare NFS Share:

mount /var/backups
mount 10.10.0.10:/backups

Il mount comando leggerà il contenuto di /etc/fstab e monterà la condivisione.

Al successivo riavvio del sistema, NFS Share verrà montata automaticamente.

Smontaggio di file system NFS

Il comando umount scollega (unmount) il file system montato dall'albero delle directory.

Per scollegare NFS Share montato, utilizzare il comando umount seguito dalla directory in cui è stata montata o dalla condivisione remota:

umount 10.10.0.10:/backups
umount /var/backups

Se il mount NFS è presente nel file fstab, rimuoverlo.

Il comando umount non riuscirà a staccare la condivisione quando il volume montato è in uso. Per scoprire quali processi accedono a NFS Share, utilizzare il comando fuser:

fuser -m MOUNT_POINT

Una volta individuati i processi, è possibile interromperli con il comando kill e smontare la NFS Share.

Se hai ancora problemi a smontare la condivisione, utilizza l'opzione -l( --lazy) che ti consente di smontare un file system occupato non appena non è più occupato.

umount -l MOUNT_POINT

Se il sistema NFS remoto non è raggiungibile, utilizzare l'opzione -f( --force) per forzare uno smontaggio.

umount -f MOUNT_POINT

Generalmente non è una buona idea usare l'opzione force in quanto potrebbe corrompere i dati sul file system.

Conclusione

Ti abbiamo mostrato come montare (mount) e smontare (unmount) NFS share. Gli stessi comandi si applicano a qualsiasi distribuzione Linux, inclusi Ubuntu, CentOS, RHEL, Debian e Linux Mint.