Introduzione

rm (rimuovi) è un'utilità della riga di comando per la rimozione di file e directory. È uno dei comandi essenziali con cui ogni utente Linux dovrebbe avere familiarità.

In questa guida, spiegheremo come usare il comando rm attraverso esempi e spiegazioni delle opzioni rm più comuni .

Usare il comando rm

La sintassi generale per il comando rm  è la seguente:

rm [OPTIONS]... FILE...

Per impostazione predefinita, se eseguito senza alcuna opzione, rm non rimuove le directory e non richiede all'utente se procedere con la rimozione dei file indicati.

Per eliminare un singolo file, utilizzare il comando rm seguito dal nome del file come argomento:

rm filename

Se non si dispone delle autorizzazioni di scrittura nella directory principale, verrà visualizzato l'errore "Operation not permitted".

Se il file non è protetto da scrittura, verrà rimosso senza preavviso. In caso di successo, il comando non produce alcun output.

Quando si rimuovono i file protetti da scrittura, il comando richiederà di confermare, come mostrato di seguito:

rm: remove write-protected regular empty file 'filename'?

Digita y e premi Enter per rimuovere il file.

L'opzione -f permette di non chiedere mai all'utente la conferma e di ignorare file e argomenti inesistenti.

rm -f filename

Se si desidera ottenere informazioni su ciò che viene rimosso, utilizzare l'opzione -v (verbose - dettaglio):

rm -v filename
removed 'filename'

Rimuovere più file

A differenza del comando unlink, rm consente di eliminare più file contemporaneamente. Per fare ciò, specificare i nomi dei file come argomenti separati da spazio:

rm filename1 filename2 filename3

Puoi usare espressioni regolari per abbinare più file. Ad esempio, per rimuovere tutti i file .png nella directory corrente, digitare:

rm *.png

Quando si usano espressioni regolari, prima di eseguire il comando rm. è sempre una buona idea elencare i file con il comando ls in modo da poter vedere quali file verranno eliminati.

Rimuovere le directory (cartelle)

Per rimuovere una o più directory vuote utilizzare l'opzione -d:

rm -d dirname

rm -d è funzionalmente identico al comandormdir.

Per rimuovere ricorsivamente le directory non vuote e tutti i file al loro interno, utilizzare l'opzione -r (ricorsiva):

rm -r dirname

Chiedi prima della rimozione

L'opzione -i permette di chiedere all'utente la conferma della rimozione prima di procedere per ogni file specificato:

rm -i filename1 filename2

Per confermare digitare y e premere Enter:

rm: remove regular empty file 'filename1'? 
rm: remove regular empty file 'filename2'? 

Quando si rimuovono più di tre file o si rimuove ricorsivamente una directory, per ottenere un singolo prompt per l'intera operazione, utilizzare l'opzione -I:

rm -i filename1 filename2 filename3 filename4

Ti verrà chiesto di confermare la rimozione di tutti i file e directory indicati:

rm: remove 4 arguments? 

Se la directory o un file all'interno della directory sono protetti da scrittura, il comando rm richiederà di confermare l'operazione. Per rimuovere una directory senza che sia richiesto, utilizzare l'opzione -f:

rm -rf dirname

Conclusione

Ti abbiamo mostrato come usare il comando rm Linux per rimuovere file e directory dal tuo sistema Linux.

Prestare estrema attenzione quando si rimuovono file o directory importanti, poiché una volta che il file è stato eliminato, non è più possibile recuperarlo facilmente.