Introduzione

LAMP è un gruppo di software open source che viene in genere installato insieme per consentire a un server di ospitare siti Web dinamici e app Web.
LAMP comprende Apache, MySQL, PHP.

In questo tutorial installeremo LAMP con PrestaShop su Ubuntu 18.04 LTS.

Se il vostro intento è installare PrestaShop su di un server in remoto continuate a leggere, altrimenti se volete installare PrestaShop sul vostro computer locale saltate il primo paragrafo "Connessione al Server" e leggere il successivo.

Connessione al Server

Per accedere al server, è necessario conoscere l'indirizzo IP. Avrai anche bisogno della password per l'autenticazione.

Per connettersi al server come utente root digitare questo comando:
ssh [email protected]_DEL_SERVER

Successivamente vi verrà chiesto di inserire la password dell'utente root.

Se non utilizzate l'utente root potete connettervi con un'altro nome utente utilizzando lo stesso comando, quindi modificare anche il primo parametro:
ssh [email protected]_DEL_SERVER

Successivamente vi verrà chiesto di inserire la password del vostro utente.

Siete ora connessi al vostro server, siete pronti per iniziare l'installazione di PrestaShop.

Installazione Apache

I repository ufficiali dei pacchetti di Ubuntu includono una versione aggiornata di Apache, Possiamo quindi installare i pacchetti necessari usando apt.

Aggiornare l'elenco dei pacchetti di Ubuntu per avere la versione più recente degli elenchi del repository, da terminale:
sudo apt update

Per installare Apache aprire il terminale e dare questi comandi:
sudo apt install apache2

Se il firewall di Ubuntu è attivo dovete abilitare il traffico per Apache:
sudo ufw allow in "Apache Full"

A questo punto il server è pronto con le configurazioni di default.
Basta collegarsi al proprio indirizzo IP pubblico oppure in localhost:

http://localhost

Per riavviare Apache:
sudo service apache2 restart

Per fermare Apache:
sudo service apache2 stop

Per avviare Apache:
sudo service apache2 start

Configurare un Virtual Host

Quando si utilizza il server Web Apache, è possibile utilizzare host virtuali per ospitare più domini, quindi più siti web su un singolo server. Configureremo un dominio chiamato esempio.com, ma dovresti utilizzare un dominio esistente.

Apache su Ubuntu 18.04 LTS ha un blocco server abilitato di default che è configurato per servire i documenti dalla directory /var/www/html correttamente funzionante per un singolo sito. Se si ospitano più siti conviene, invece di modificare /var/www/html, creare una struttura di directory all'interno di /var/www lasciando /var/www/html come directory predefinita da servire se una richiesta client non corrisponde a qualsiasi altro sito configurato come virtual host.

Creare la directory per esempio.com, usando il flag -p per creare tutte le directory necessarie:
sudo mkdir -p /var/www/prestashop/

Assegnare l'utente corrente come proprietario della nuova directory:
sudo chown -R $USER:$USER /var/www/prestashop

Assicurarsi che i permessi siano corretti:
sudo chmod -R 755 /var/www/prestashop

Creare un nuovo file di configurazione per il virtual host di esempio.com, senza andare quindi a modificare quello di default:
sudo nano /etc/apache2/sites-available/prestashop.conf

Incollare le seguenti righe di codice, facendo attenzione a modificare i valori per il vostro dominio, in questo caso esempio.com:

<VirtualHost *:80>
    ServerAdmin [email protected]
    ServerName esempio.com
    ServerAlias www.esempio.com
    DocumentRoot /var/www/prestashop
    ErrorLog ${APACHE_LOG_DIR}/error.log
    CustomLog ${APACHE_LOG_DIR}/access.log combined
</VirtualHost>

Salvare e chiudere il file.

Abilitare il nuovo sito:
sudo a2ensite prestashop.conf

Verificare se i dati inseriti nei file sono corrette:
sudo apache2ctl configtest

Dovresti vedere una risposta simile a questa:

Syntax OK

Riavviare Apache:
sudo systemctl restart apache2

Adesso è possibile collegarsi al virtual host appena creato collegandosi al proprio dominio:

http://esempio.com

Installare MySQL

È possibile installare MySQL utilizzando il repository ufficiale di Ubuntu con apt.
Installare MySQL:
sudo apt install mysql-server

Mettere in sicurezza MySQL

Avviare uno script di MySQL per modificare alcune impostazioni:
sudo mysql_secure_installation

Vi verrà chiesto di inserire una password per l'utente root, che utilizzerete per accedere al server MySQL.

Inserire "y" per "si" oppure qualsiasi altra lettera per "no".

Vi verrà chiesto se si vuole testare la sicurezza della password.

Successivamente è consigliato premere "y" quindi "si".

  • Rimuovere gli utenti anonimi
  • Disabilitare il login root da remoto
  • Rimuovere il database test
  • Aggiornare le nuove regole

Modificare il metodo di autenticazione

A partire dalla versione 5.7 di MySQL, l'utente root di MySQL è impostato per l'autenticazione tramite il plug-in auth_socket per impostazione di default anziché con una password.

Per utilizzare una password per connettersi a MySQL come utente root è necessario modificare il metodo di autenticazione, da auth_socket a mysql_native_password.

Poiché non è stata impostata ancora nessuna password, è possibile connettersi al server MySQL utilizzando semplicemente il comando mysql oppure sudo mysql se si è loggati come utente normale. Successivamente sarà necessario utilizzare il comando mysql u root -p da utente root, altrimenti sudo mysql -u root -p da utente normale.

Quindi se siete loggati come utente root, scrivere nel terminale:
mysql

Altrimenti se siete loggati come utente normale con privilegi sudo:
sudo mysql

Per verificare il metodo di autenticazione associato agli account di mysql:
SELECT user,authentication_string,plugin,host FROM mysql.user;

Dovresti ricevere un messaggio simile a questo:

+------------------+-------------------------------------------+-----------------------+-----------+
| user             | authentication_string                     | plugin                | host      |
+------------------+-------------------------------------------+-----------------------+-----------+
| root             |                                           | auth_socket           | localhost |
| mysql.session    | *THISISNOTAVALIDPASSWORDTHATCANBEUSEDHERE | mysql_native_password | localhost |
| mysql.sys        | *THISISNOTAVALIDPASSWORDTHATCANBEUSEDHERE | mysql_native_password | localhost |
| debian-sys-maint | *5852386AB32C5DAD5DDA4F5FED911A70DA342656 | mysql_native_password | localhost |
+------------------+-------------------------------------------+-----------------------+-----------+
4 rows in set (0.00 sec)

Come potete vedere per l'utente root è impostato di default il metodo di autenticazione auth_socket. Per utilizzare l'autenticazione con password per l'account root effettuare le seguenti modifiche:
ALTER USER 'root'@'localhost' IDENTIFIED WITH mysql_native_password BY 'TUA_PASSWORD';

Quindi effettuare un refresh delle tabelle:
FLUSH PRIVILEGES;

Adesso è possibile verificare il nuovo metodo di autenticazione associato all'utente root:
SELECT user,authentication_string,plugin,host FROM mysql.user;

Dovresti ricevere un messaggio simile a questo:

+------------------+-------------------------------------------+-----------------------+-----------+
| user             | authentication_string                     | plugin                | host      |
+------------------+-------------------------------------------+-----------------------+-----------+
| root             | *E6A3377941E640ADEDCC8907E390B06B0C863862 | mysql_native_password | localhost |
| mysql.session    | *THISISNOTAVALIDPASSWORDTHATCANBEUSEDHERE | mysql_native_password | localhost |
| mysql.sys        | *THISISNOTAVALIDPASSWORDTHATCANBEUSEDHERE | mysql_native_password | localhost |
| debian-sys-maint | *5852386AB32C5DAD5DDA4F5FED911A70DA342656 | mysql_native_password | localhost |
+------------------+-------------------------------------------+-----------------------+-----------+
4 rows in set (0.00 sec)

Uscire dal prompt di MySQL:
exit;

Per effettuare nuovamente il login al server MySQL adesso sarà necessario inserire una password, quindi da terminale:

Se siete loggati come utente root, scrivere nel terminale:
mysql -u root -p

Altrimenti se siete loggati come utente normale con privilegi sudo:
sudo mysql -u root -p

Creare un database per PrestaShop:
CREATE DATABASE prestashop DEFAULT CHARACTER SET utf8 COLLATE utf8_unicode_ci;

Associare un nuovo utente al database prestashop con password e privilegi:
GRANT ALL ON prestashop.* TO 'prestashopsuser'@'localhost' IDENTIFIED BY 'tua_password';

Aggiornare i privilegi:
FLUSH PRIVILEGES;

Uscire da mysql:
exit;

Installazione PHP

Per installare PHP ed estensioni utili per PrestaShop, da terminale:
sudo apt install php libapache2-mod-php php-mysql php-curl php-gd php-mbstring php-xml php-xmlrpc php-soap php-intl php-zip

Riavviare Apache:
sudo service apache2 restart

Installare PrestaShop

Dare i seguenti comandi da terminale, entrare nella cartella di PrestaShop:
cd /var/www/prestashop

Scaricare PrestaShop, attualmente l'ultima versione è la 1.7.5.1:
sudo wget https://download.prestashop.com/download/releases/prestashop_1.7.5.1.zip

Installare Zip ed Unzip per gestire gli archivi .zip:
sudo apt-get install zip unzip

Estrarre PrestaShop:
sudo unzip prestashop_1.7.5.1.zip

Estrarre l'archivio prestashop.zip:
sudo unzip prestashop.zip

Se richiesto sovrascrivere il file index.php. Quindi premere y e successivamente enter (tasto invio sulla tastiera).

Abilitare mod_rewrite:
sudo a2enmod rewrite

Riavviare Apache:
sudo service apache2 restart

Cambiare i permessi:
sudo chown -R www-data:www-data /var/www/

Collegarsi al proprio nome dominio:

http://esempio.com

Dovreste vedere la prima schermata di installazione di PrestaShop.

Il server è pronto per poter installare PrestaShop con LAMP, Virtual Host, PHP, MySQL su Ubuntu 18.04 LTS.