Introduzione

Questo articolo spiega come configurare un indirizzo IP statico su Ubuntu 20.04 LTS Focal Fossa.

In genere, nella maggior parte delle configurazioni di rete, l'indirizzo IP viene assegnato dinamicamente dal server DHCP del router. L'impostazione di un indirizzo IP statico può essere richiesta in diverse situazioni, come la configurazione del port forwarding o l'esecuzione di un media server.

Configurare l'indirizzo IP statico tramite DHCP

Il modo più semplice e consigliato per assegnare un indirizzo IP statico a un dispositivo sulla LAN è configurare un DHCP statico sul router. La prenotazione DHCP statica o DHCP è una funzionalità presente sulla maggior parte dei router che fa sì che il server DHCP assegni automaticamente lo stesso indirizzo IP a un dispositivo di rete specifico, ogni volta che il dispositivo richiede un indirizzo dal server DHCP. Funziona assegnando un IP statico all'indirizzo MAC univoco del dispositivo.

I passaggi per configurare una prenotazione DHCP variano da router a router. Consultare la documentazione del fornitore per ulteriori informazioni.

Netplan

Ubuntu 17.10 e versioni successive utilizzano Netplan come strumento di gestione della rete predefinito. Le versioni precedenti di Ubuntu usavano ifconfig e il suo file /etc/network/interfaces di configurazione per configurare la rete.

I file di configurazione di Netplan sono scritti nella sintassi YAML con un'estensione di file .yaml. Per configurare un'interfaccia di rete con Netplan, è necessario creare una descrizione YAML per l'interfaccia e Netplan genererà i file di configurazione richiesti per lo strumento di rendering scelto.

Netplan supporta due renderer, NetworkManager e Systemd-networkd. NetworkManager viene utilizzato principalmente su macchine desktop, mentre Systemd-networkd viene utilizzato su server senza una GUI.

Configurare l'indirizzo IP statico su Ubuntu Server

Su Ubuntu 20.04 LTS Focal Fossa, il sistema identifica le interfacce di rete utilizzando "predictable network interface names".

Il primo passo verso la configurazione di un indirizzo IP statico è identificare il nome dell'interfaccia ethernet che si desidera configurare. Per fare ciò, usa il comando ip link, come mostrato di seguito:

ip link

Il comando stampa un elenco di tutte le interfacce di rete disponibili. In questo esempio, il nome dell'interfaccia è ens3:

1: lo: <LOOPBACK,UP,LOWER_UP> mtu 65536 qdisc noqueue state UNKNOWN mode DEFAULT group default qlen 1000
    link/loopback 00:00:00:00:00:00 brd 00:00:00:00:00:00
2: eth0: <BROADCAST,MULTICAST,UP,LOWER_UP> mtu 1500 qdisc fq_codel state UP mode DEFAULT group default qlen 1000
    link/ether 96:00:00:19:12:df brd ff:ff:ff:ff:ff:ff

I file di configurazione di Netplan sono archiviati nella directory /etc/netplan. Probabilmente troverai uno o più file YAML in questa directory. Il nome del file può variare da configurazione a configurazione. Di solito, il file è denominato sia 01-netcfg.yaml, 50-cloud-init.yamlo NN_interfaceName.yaml, ma nel vostro sistema potrebbe essere diverso.

Se la tua istanza cloud di Ubuntu è provvista di cloud-init, dovrai disabilitarla. Per farlo, crea il seguente file:

sudo nano /etc/cloud/cloud.cfg.d/99-disable-network-config.cfg
network: {config: disabled}
/etc/cloud/cloud.cfg.d/99-disable-network-config.cfg

Per assegnare un indirizzo IP statico sull'interfaccia di rete, apri il file di configurazione YAML con il tuo editor di testo:

sudo nano /etc/netplan/01-netcfg.yaml
network:
  version: 2
  renderer: networkd
  ethernets:
    ens3:
      dhcp4: yes
/etc/netplan/01-netcfg.yaml

Prima di modificare la configurazione, spieghiamo brevemente il codice.

Ogni file Netplan Yaml inizia con la chiave network che ha almeno due elementi richiesti. Il primo elemento richiesto è la versione del formato di configurazione di rete e il secondo è il tipo di dispositivo. Il tipo di dispositivo può essere ethernets, bonds, bridges, o vlans.

La configurazione sopra ha anche una riga che mostra il tipo renderer. Per impostazione predefinita, se hai installato Ubuntu in modalità server, il renderer è configurato per utilizzare networkd come back-end.

Sotto il tipo di dispositivo (ethernets), puoi specificare una o più interfacce di rete. In questo esempio, abbiamo una sola interfaccia ens3 configurata per ottenere l'indirizzamento IP da un server DHCP dhcp4: yes.

Per assegnare un indirizzo IP statico all'interfaccia ens3, modificare il file come segue:

  • Imposta DHCP su dhcp4: no.
  • Specifica l'indirizzo IP statico. Sotto addresses: puoi aggiungere uno o più indirizzi IP IPv4 o IPv6 che verranno assegnati all'interfaccia di rete.
  • Specifica il gateway.
  • In nameservers, imposta gli indirizzi IP dei server dei nomi.
network:
  version: 2
  renderer: networkd
  ethernets:
    ens3:
      dhcp4: no
      addresses:
        - 192.168.121.221/24
      gateway4: 192.168.121.1
      nameservers:
          addresses: [8.8.8.8, 1.1.1.1]
/etc/netplan/01-netcfg.yaml

Quando modifichi i file Yaml, assicurati di seguire gli standard di rientro del codice YAML. Se la sintassi non è corretta, le modifiche non verranno applicate.

Una volta terminato, salva il file e applica le modifiche eseguendo il seguente comando:

sudo netplan apply

Verifica le modifiche digitando:

ip addr show dev ens3
2: ens3: <BROADCAST,MULTICAST,UP,LOWER_UP> mtu 1500 qdisc mq state UP group default qlen 1000
    link/ether 08:00:27:6c:13:63 brd ff:ff:ff:ff:ff:ff
    inet 192.168.121.221/24 brd 192.168.121.255 scope global dynamic ens3
       valid_lft 3575sec preferred_lft 3575sec
    inet6 fe80::5054:ff:feb0:f500/64 scope link 
       valid_lft forever preferred_lft forever

Questo è tutto! Hai assegnato un IP statico al tuo server Ubuntu.

Configurare l'indirizzo IP statico su Ubuntu Desktop

La configurazione di un indirizzo IP statico sui computer desktop Ubuntu non richiede conoscenze tecniche.

Nella schermata Attività, cerca "impostazioni" e fai clic sull'icona. Questo aprirà la finestra delle impostazioni di GNOME. A seconda dell'interfaccia che si desidera modificare, fare clic sulla scheda Rete o Wi-Fi. Per aprire le impostazioni dell'interfaccia, fare clic sull'icona a forma di ingranaggio accanto al nome dell'interfaccia.

Nella scheda "Metodo IPV4", seleziona "Manuale" e inserisci il tuo indirizzo IP statico, Netmask e Gateway. Una volta terminato, fare clic sul pulsante "Applica".

Per verificare le modifiche, apri il tuo terminale utilizzando la scorciatoia da tastiera Ctrl+Alt+T o facendo clic sull'icona del terminale ed esegui:

ip addr

L'output mostrerà l'indirizzo IP dell'interfaccia:

...
2: wlp1s0: <BROADCAST,MULTICAST,UP,LOWER_UP> mtu 1500 qdisc noqueue state UP group default qlen 1000
    link/ether 50:5b:c2:d8:59:7d brd ff:ff:ff:ff:ff:ff
    inet 192.168.121.221/24 brd 192.168.31.255 scope global dynamic noprefixroute wlp1s0
       valid_lft 38963sec preferred_lft 38963sec
    inet6 fe80::45e3:7bc:a029:664/64 scope link noprefixroute 

Conclusione

Ti abbiamo mostrato come configurare un indirizzo IP statico su Ubuntu 20.04 LTS Focal Fossa.